domenica 4 gennaio 2009

Buon 2009

Salve a tutti, un caro agurio di un buon 2009, buono nel senso che ritenete migliore per voi e per quello che state portando avanti.
Nel 2009 voglio dare una nuovo orientamento al blog e non usarlo solo, come è accaduto negli ultimi mesi, come link agli articoli pubblicati sul sito vivereilmiracoloso. Vorrei orientarlo maggiormente ad una discussione sulle esperienze del lavoro, che siamo verifiche del lavoro o del non lavoro. Nel caso ci siano articoli che mi interessa discutere o che interessano ai lettori questi (su richiesta di chi ne ha interesse) verranno inseriti nel blog e discussi, anche se sul sito si trova una sezione forum dove è possibile fare altrettanto, ma per gli aficionados del blog verranno ricopiati. Se vi sono esperienze che volete postare come articoli basta che facciate richiesta.
So che è molto difficile ma vorrei invitare i lettori che commenteranno sul blog a considerare la differenza profonda che esiste tra un confronto ed una polemica ad oltranza, per coloro che non sono d'accordo con queste idee e con il modo di portarle avanti espresso in questo sito ci sono varie opzoni, la prima è cambiare sito, la seconda è quella di considerare che ci possono essere persone che sono interessate ad uno scambio dialettico, la terza è quella di sforzarsi di proporre osservazioni aperte.
Mi ripropongo di lasciarre i commenti aperti fino a che reputerò che sia qualcosa di utile, poi verranno moderati se se ne creerà la necessità.
Buon lavoro e buon proseguimento, che il materiale postato sia di utilità a quanti lo leggeranno.
Enzo

5 commenti:

James ha detto...

Forse questo, se pubblicato dal magnanimo moderatore, sara’ il mio ultimo intervento! Urra’!!

Perdonatemi per la lunghezza, ma.... essendo l’ultimo, ne valeva la pena.
Arrivati a questo punto siamo gia’ giunti ad un bivio:
Saranno le mie parole ascoltate e pubblicate, oppure, non piacendo al Moderartore, censurate?
Hmmm... ho come un vago presentimento, beh, vedremo.

Mi riferiro’ ad Enzo in terza persona per minimizzare la possibilita’ di prendere le cose troppo personalmente.
Una cosa che Enzo, continua a ignorare, come del resto altri intervenuti, e’ il fatto che questo percorso, altri di quelli qui intervenuti l’hanno gia’ intrapreso. Si sono liberati di un grosso fardello dopo essersi per anni misurati, letteralmente corpo a corpo, col loro credo, unico vero ostacolo!
Prendo in prestito l’analogia di Andreja.
So che mi ostino a ripetere di come sembra l’istituto visto dal di fuori, e Enzo si ostina a ripetere come si presenta dal di dentro. Quando tiro i sassi alle finestre e urlo di mettere il naso fuori, dal di dentro si sentono solo suoni indistinti, attutiti dalle pareti imbottite. Enzo si e’ chiuso dentro e vuole essere lasciato in pace. Ognuno di noi fa del proprio meglio.

Il fatto di non credere alla 4 via, pero’, non significa necessariamente “averne passate di cotte e di crude” oppure che “va tutto male!” Il non essere d’accordo sulla validita’ del metodo delle idee della 4 via, essendo comunque un’”eperienza della quarta via”, per Enzo significa chiudersi in giudizi inutili. Capisco e comprendo che e’ preferibile speculare sull’immaginazione di quello che una persona abbia o meno presumibilmente vissuto, pur di deviare l’attenzione da cio’ che ci puo’ toccare piu’ da vicino (tutti quei respingenti li ho usati anch’io, li conosco per dritto e per rovescio, e’ solo un meccanismo di autodifesa.) La 4 via offre respingenti su di un piano, a 360 gradi per cui e’ possibile deflettere qualsiasi cosa, da qualsiasi direzione.
L’ identificazione con la 4 via su questo sito e’ tale per cui ogni intervento che non promuove tale credo viene vissuto come un’acerrimo attacco personale proprio perche’ va a toccare una parte molto intima: cio’ in cui si crede ciecamente. Come potrebbe essere altrimenti?

Ogni volta che si mette qualcosa al di sopra di noi stessi (basta che sia fuori, e migliore, tipo il sistema, la presenza o il ricordo di se’, etc.) si crea un rapporto duale, autoritario e dipendente sia con persone che con sistemi e religioni. Una volta accettata l’idea di essere in una prigione si comincia a vedere il mondo attraverso le sbarre.

Mi rendo conto della mia ingenuita’ quando penso di poter levare il ‘prosciutto della 4 via’ dagli occhi di chi ha intrapreso questa ricerca. Forse il mio errore e’ quello di voler fare vedere l’ovvio a chi non lo vuole vedere. Giusto? Sbagliato? Mi sono comunque preso la briga di farlo, perche’ quando uno e’ veramente sincero nell’ intraprendere il viaggio nella conoscenza di se’ dovrebbe apprezzare, o almeno considerare, ogni aiuto per vederci piu’ chiaro. Il mio intervento e’ comunque ininfluente ad ogni risultato.

Ora vorrei rispondere alle domande di Enzo.

D: “Sei qui e scrivi per salvare qualcuno da me o dal sistema o dalle vie spirituali?”
Perché hai una missione?

Tutto e’ cominciato quando sono incappato in questo blog/forum. Quando con tono lezioso Enzo cercava di”spiegare” a Guido (mi pare) la successione dei mondi e delle leggi, scrissi come ‘Guest’ con domande che cercavano una spiegazione. (volevano in realta’ solo sottolineare sarcasticamente il fatto che Enzo parlava con tono accademico senza sapere veramente di cosa stesse parlando) Da subito Enzo si e’ rivelato fortemente allergico al confronto quando colto sul vivo.
Cercando di rispondermi col tono che usa un maestro di asilo con i suoi bambini, di conseguenza Enzo levo’ la possibilita’ di postare se non dopo registrazione. (atteggiamento di bambino viziato che non sa perdere e impone al gioco altre regole). Scrissi poi un post, a mio avviso molto divertente, sull’importante soggetto della merenda che non fu mai pubblicato; dimostrando un povero, se non inesistente, senso dell’umorismo.
Beh, questo mi basto’ per decidere di venire a rompere le... uova nel paniere.
A dire la verita’ vedere Enzo darsi ripetutamente la zappa sui piedi e’ inesauribile fonte di divertimento, nonche’ altra ragione dei miei interventi qui. Anche esasperare Enzo mi da un certo piacere. :-)

Sin da principio mi sono chiesto il perche’ Enzo abbia deciso di aprire un sito come questo. Ci sono gia’ tanti gruppi formati da persone interessanti con esperienza e un buon livello d’essere sull’argomento che studiano la 4 via approfonditamente e con l’ausilio di un’enorme quantita’ di materiale. Perche’ allora un altro sito, un altro gruppo, se non per affermazione personale? Da quello che fin ora ha dimostrato, la caratteristica (principale?) di vanita’ di Enzo pare non sopporti di essere messo in discussione ne di avere a che fare con chi ne sa come o piu’ di lui che potrebbe scoprire il suo gioco. Da qui la netta sensazione che il gruppo “esoterico” in cui ha formato la propria esperienza non l’abbia riconosciuto come persona di livello d’essere “speciale”. Da questa insoddisfazione, secondo me, nacque l’idea di reinventare il giocattolo con le proprie regole. (Anche se reso lampante da ogni suo intervento, questa e’ una mia congettura.) ci saranno sempre persone religiosamente credenti, alle prime armi e acerbi nel “lavoro” disposte ad ascoltare qualsiasi cosa pur di rinforzare quella “vaga certezza”.
Il fatto che su questo sito siano riportati pensieri sulle varie sindromi (?) del falso messia, dell’incontro domenicale, del super-sforzo etc. etc. non vuol dire certo che tali idee siano state comprese ne tantomeno lette con cura.

Dubito che il fatto di non conoscersi possa d’incanto infondere significato nelle parole di Enzo.
E’ molto semplice: Cio’ che Enzo scrive, io leggo. Di conseguenza cio’ porta un’enorme conoscenza personale e conseguente osservazione di se’, piu’ di quanto lui non creda.
Il non conoscersi leva quell’aspetto emozionale che puo annebbiare la vista, negando la possibilita’ di aggiustarsi le cose come ci piace, finendo come si suol dire;” a tarallucci e vino.”
Il conoscermi renderebbe sicuramente Enzo meno minacciato, ma anche piu’ sordo.

D: Hai trovato un posto in cui non ti bannano (escludono) e quindi fai del tuo meglio? secondo te sono un agente del male (questa è ironica)? in fondo questo è un luogo dove si confrontano (si fa per dire perché non scrive nessuno, oltre ai soliti tre, grazie Lorena!!... MINIMO!!!! dove sei.. ahahaa) le persone che vogliono sondare le idee della Quarta Via, e sono molto ben accetti.“

No, Enzo non e’ certo un agente del male, almeno non intenzionalmente e ... non ancora! :-D
Nel caso non se ne fosse accorto e’ proprio cio’ che alcuni di noi stanno gia’ facendo, scrivendo “punti di vista differenti e opposti.”

A questo punto siamo arrivati ad un altro dilemma:
lasciare che questo sito rimanga aperto alla discussione, accettandone le conseguenze, oppure autoritariamente levare la liberta’ di commenti facendolo cosi’ chiudere in se stesso nel suo bozzolo lasciando al di fuori ogni disturbo che possa turbare la pace al suo interno (cosi’ come del resto fanno tutte le altre sette, gruppi e culti in modo fascista e totalitario) Il nuovo sito si potrebbe allora chiamare: “L’esperienza di chi e’ d’accordo con la 4 via.” Oppure: “La Mia esperienza della 4 via.” cosi’ da evitare partecipazioni a sproposito (senza garanzia.)

Lasciare la porta dell’istituto aperta e accettare tutto quello che puo’ entrare, o barricarsi dentro e continuare a fare il “Lavoro” a porte chiuse?

Speravo sinceramente di poter aiutare qualcuno, ma pare che qui nessuno abbia bisogno di aiuto.
Buona Fortuna a tutti,
James

P.S.
Piccolo appunto che non ce la faccio a tenermi:
Anche qualora Enzo non fosse Iro, non cambierebbe il fatto di essere comunque d’accordo e di sostenere tali idee. Mi spiace (non e’ vero) ma non fa nessun a differenza.

P.P.S.
Altro appunto:
Enzo: “Quello che sto dicendo è che faccio, negli articoli che scrivo, un lavoro pratico dove è possibile farlo e di comprensione personale (diciamo intellettuale) e con altri dove non è possibile. Questo vuol dire, visto che non mi sembra che sia stato compreso dai "miei" pezzi che hai riportato, che ci sono alcune idde che possono essere verificate praticamente e altre che possono essere comprese che come concetti. Ovviamente non posso verifcare l'Assoluto, ma posso comprendere il concetto a cui si riferisce ed esporre la mia comprensione.”

Qui Enzo ha appena tentato di rendere legittimo il proprio mentire.
O forse fa soltanto riferimento al “mentire intenzionale” ovvero la pratica, al fine di agevolare il proprio scopo, di dire qualcosa che non e’ rigorosamente vero. (dipende sempre da quale sia il proprio scopo e se cio’ possa provocare danno a qualcuno... e sempre mentire resta!)

E ha detto...

James,
la tua è una acuta analisi e dal TUO punto di vista sembra avere senso, tu parli del tuo entrare nel sito e delle tue visioni su quello che faccio e come lo faccio, ma sembra che parti dal presupposto che le tue azioni sono sempre giuste che la tua visione delle cose è corretta, non ti ho mai visto ritornare su nessuno dei tuoi punti, ti poni come quello che sa e che ha capito, mi sembra che sei tu che ti poni come maestrino e lo sei stato dai primi commenti arroganti e giudicanti che hai postato, cosa che hai ripetutamente fatto anche in questo post, giudicare negativamente senza appello. Si ho deciso di rimoderare i commenti e ovviamente ero certo del vostro, compreso Andreja, inalberarvi di fronte a questa scelta, era ovvio che vi sareste attaccati all'idea di chiudersi nel proprio mondo ecc in fondo è la tua unica linea di condotta.. Ho aperto i commenti dopo un certo scambio (in cui eri presente anche tu), riportando un commento che ho letto su un altro blog mi sembra che sia tu che Andeja siate dei professorini (cosa di cui mi accusi) che interrogano (per quanto ti riguarda in maniera decisamente aggressiva salvo poi indignarti se gli altri fanno lo stesso) una allievo avendo nella loro mente una risposta precisa, e se l'altra persona non da la loro (solitamente unica) risposta dicono che sbaglia.
Personalmente mi sembra che sei radicato in un ristretto numero di punti di vista dal quale giudichi e attacchi tutto qello che secondo te è diverso (è moto semplice prendere delle parole rigirarle come più ci fa comodo dovresti saperlo bene) e hai la profondoa tendenza a riportare tutto a questi limitati punti, non ne riesci ad uscire e giri introno agli stessi argomenti, mi puoi sicuramente accusare dello stesso e lo fai senza nessun limite, ma la scelta di richiudere il blog è dovuta al fatto che non ho visto e non vedo nessuna possibilità di una apertura e di un dibattito che non sia solo l'espressione, come è succensso anche in questo post, di un giudizio negativo da parte tua. Non hai mai portato argomenti che non fossero giudizi o critiche serrate, e poi se uno ti dice che stati facendo questo allora sbobini il disco della libertà di parola. Apprendere da qualcuno che ti giudica e basta per cui quello che fai è essenzialmente sbagliato, maddai ma cosa pensi, e soprattutto se non sei il primo in grado di fare delle cose in maniera differente ma come puoi aspettarti che dal tuo tono le persone possano avere uno scambio utile con te per tue esperienze non ti hanno insegnato questo non hai verificato nei gruppi in cui sei stato che chi criticava e basta era solo schiavo del suo astio?. Forse avrai fatto anche molta esperienza, ma non credo che ancora tu abbia capito certi strumenti di scambio con gli altri.
Vedi adesso so già che di frotne a queste parole tu opporrai le tue ottime ragioni sul mio mentire e despotismo, ma ti dico sinceramente sia a te che ad Andreja di prenderla come volete che non ho vogia di continuare questo ping pong.
Tanti saluti a tutti e buon prseguimento nel vostro rancore io non è ho più voglia.
Enzo

Il Fantasma di James ha detto...

Prima di lasciare QUESTO mondo James desidera ringraziare Enzo il ‘Moderatore’ per aver confermato ancora una volta coi suoi interventi tutto quello di cui fin ora e’ stato tacciato, e per aver fortuitamente aiutato a far luce sull’infruttuosa natura delle idee della 4 via. Ora James potra’ riposare tranquillo rassicurato dall’ennesima conferma della maestria di Enzo nel rivelare l’immaginario potere del “Lavoro” attraverso le sue inconcludenti, contraddittorie e capricciose repliche.
Il risveglio e’ un sogno come tanti altri.

Il Fantasma di James

Anonimo ha detto...

e quindi ? suicidio di massa ?

Guido ha detto...

Sinceramente, a me dispiace che James non contribuisca più con i suoi commenti "taglienti"... Non so se verrà ancora qui a leggere questo post... forse sì... in fondo in fondo, questo blog gli piace... altrimenti non gli sarebbe così attaccato... oppure anche lui ha una sua missione (redimere Enzo dalla falsa 4via) :-) E dai, scherzo... lo sappiamo che in fondo sei buono! In realtà ed ora non scherzo, ho la massima stima di te. Guarda, se non ti dispiace, vieni a fare qualche intervento sul mio blog... Lì sarai ben accetto... Mi piacciono le persone "controcorrente" e che hanno ancora qualcosa da dire.
Sul serio.
Con stima, Guido