mercoledì 16 aprile 2008

Personalità ed Essenza

Nel sistema si dice che l'uomo è composto di due parti: la personalità e l'essenza.

L'essenza è ciò che appartiene all'uomo, che gli è proprio, la personalità è ciò che ha acquisito ed imparato nel corso della sua vita.

Se consideriamo l'idea di personalità, dal latino persona, la maschera dell'attore nel senso giusto del termine si comprendere che la sua funzione è quella di una "pelle" psicologica che copre l'essenza. Lo scopo della personalità è quello di filtrare e decodificare ciò che viene dal mondo per l'essenza. Vi è un estratto dal testo di Rodney Collin "la Teoria delle influenze Celesti" che descrive in maniera molto chiara questa relazione tra personalità ed essenza:

Se pensiamo al circolo della vita dell'uomo come ad una sfera, la sua essenza è la natura fisica dell'interno della sfera, la sua consistenza, densità, composizione fisica e così via. La sua personalità è allora qualcosa di immaginario che non esiste affatto nella sfera. Non ha ne spessore ne dimensione. Viene soltanto dall'esterno. E' come la luce dal mondo circostante che si riflette sulla superficie della sfera... Possiamo ottenere maggiore comprensione sulla natura della personalità, se capiamo che questa luce che l'uomo riflette è proprio quella che egli non assorbe. Quello che è più evidente in un uomo è quello che rifiuta, ed il particolare modo in cui lo rifiuta. Egli viene riconosciuto da quello che ancora non capisce, da quello che lo divide dal resto. Questa è la personalità. Quando egli capisce ed assorbe veramente qualcosa, questo entra in lui e diventa parte della sua essenza. Allora non appare più agli altri come la sua personalità, questo è lui e lui è questo. La separazione caratteristica della personalità è scomparsa.

Rodney Collin ' La teoria delle influenze Celesti pag 205

CONTINUA

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Non so dove postare questa domanda, perciò lo faccio qui.
Come vede la Quarta Via le malattie?

marcello

E ha detto...

Ciao Marcello,
ti rispondo da qua visto che non ho la tua mail.
Nella quarta via la malattia è considerata un processo, nel quale l'errata eliminazione di elementi nocivi al corpo portano ad una reazione di rigetto. A questo link, Processo di malattia, puoi trovare una descrizione più dettagliata di come funziona.
A presto,
E.