giovedì 10 luglio 2008

Riflessioni sulle conferenze

Lo scorso fine settimana si è tenuta la prima Conferenza sulla Quarta Via organizzata da chi gestisce questi siti. Le persone intervenute, compreso chi teneva le conferenze e le danze, saranno state una quindicina. La conferenza si è tenuta in un bosco, seduti su delle stuoie, e le danze in un grande salone in una villa del '500. E' stato molto interessante e stimolante osservare e condividere sia le idee del lavoro che il lavoro pratico con quanti hanno partecipato.
L'osservazione relativa alla forma dell'evento ha messo un luce che le Conferenze sono utili per un approccio conoscitivo tra le persone, ma le idee non possono essere affrontate in profondità e la forma a dibattito, che abbiamo dato all'evento, ha permesso di spaziare su diversi soggetti che esulavano il tema dell'evento, ma non di approfondirli. Probabilmente dei gruppi studio sono più appropriati per trasmettere le idee del Sistema.
E' stato comunque un momento molto "pratico" in cui estranei si incontrano ed iniziano ad osservarsi per cercare di capire se veramente qui c'è qualcosa di buono o è la solita panzana new age o peggio e prendono o no il meglio che possono dall'evento.
Sono grato a tutti quelli che sono intervenuti perché hanno portato loto stessi e si sono messi in gioco e ringrazio tutti quelli che hanno aiutato.
Le danze hanno portato un elemento di grande praticità nel lavoro intellettuale che abbiamo fatto nel week end e abbiamo deciso di continuare a portarle avanti anche per i prossimi eventi.
A breve sarà pubblicato un calendario di date fino a dicembre a cui eventualmente potranno aggiungersi altri incontri in diverse parti d'Italia.
Grazie a tutti coloro che in un modo o in un altro hanno nutrito e continuano a nutrire questa ottava.
E.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

posso chiedere se a quell'incontro fosse stato presente qualcuno che il sistema lo conoscesse veramente? per "lo conoscesse" intendo lo avesse messo in pratica sotto le direttive di un maestro ...
e che ne avesse così ottenuto dei reali sviluppi di se ...
G. è molto chiaro su questo punto, senza maestro un gruppo di addormentati non va da nessuna parte ...

E ha detto...

Ciao Anonimo,
devo dire che mi fas empre sorride quando qualcuno senza nome e senza identità fa la parte del diavolo tentatore.. mostrando di conoscere quello che è stato scritto e di usarlo con sano dubbio critico. Che dire da parte di chi scrive si ho fatto diverse esperienze che mi hanno portato a decidere di rendere pubbliche le mie comprensioni.
Per quanto riguarda il concetto.. che ne avesse così ottenuto dei reali sviluppi di sé.. che dire non spetta a me dirlo, per quanto ho verificato ne sono sicuro ma è solo da uno scanbio diretto e un confronto aperto che un persona può percepire il livello d'essere di un'altra. Se vuoi sono qui, per chiaccherare o incontrarci.. poi avrai degli strumenti personali e pratici per valutare..
Grazie per l'opportunità.. spero a presto...

Francesco ha detto...

Trovo corretto nei termini del sistema quello che scrive l'anonimo: tenere incontri sulla quarta via senza la presenza di una guida cosciente che sappia trasmettere questo sistema nella maniera corretta senza dare spazio alle libere interpretazione della falsa personalità, non è che un mero esercizio intellettuale.
Vorrei solo tentare di mettere in guardia chi ha trovato nella quarta via ciò che cercava dal pericolo di fraintendere e perdere così l'occasione.
Invito tutti i lettori alla lettura dell'undicesimo capitolo di Frammenti.